Fisco Dichiarazione dei redditi - dichiarazione semplificata

Ventiquattro mesi di tempo per la riforma del sistema fiscale in Parlamento, con il Ddl delega allo studio del Governo e atteso in Consiglio dei ministri la prossima settimana. Nella bozza e’ prevista un’Irpef a tre aliquote; l’Ires a due aliquote e in cinque anni flat tax per tutti ma incrementale per i dipendenti; la semplificazione dei procedimenti dichiarativi, accertativi, di riscossione e del contenzioso; la revisione delle sanzioni amministrative e penali; il riordino dei Testi unici e il rafforzamento dello Statuto del contribuente. In programma anche la revisione di Irap, con il suo graduale superamento, e dell’Iva.

Queste le principali novità previste dalla bozza.

Ires

Tra le novità, particolare rilievo avrà la nuova formulazione dell’Ires. Avrà due aliquote, con aliquota ridotta rispetto al 24%per la quota di reddito destinata, nei due anni successivi, a investimenti qualificati e/o nuova occupazione. Lo si evince dalle slide preparate dal Mef, in cui si sintetizza: “chi più assume ed

investe meno paga”. E’ previsto inoltre il “graduale superamento dell’Irap” (Imposta regionale sulle attività produttive), con priorità per le società di persone, gli studi associati e le società tra professionisti, attraverso l’introduzione di una sovraimposta con base imponibile corrispondente a quella Ires.

Flat tax

Estensione della flat tax incrementale ai lavoratori dipendenti con l’obiettivo, dopo la riduzione a tre degli scaglioni Irpef, di arrivare entro la legislatura alla flat tax per tutti. E’ quanto si legge nelle slide del ddl delega sul fisco. Nel frattempo in campo Irpef, per il lavoro dipendente è prevista la semplificazione delle norme sui fringe benefit. Per il lavoro autonomo invece si punta alla riduzione delle ritenute sui compensi nel caso in cui il lavoratore sostenga alti costi per dipendenti o collaboratori e al riconoscimento della neutralità fiscale per le aggregazioni e riorganizzazioni degli studi professionali.

Cedolare Secca

Il regime della cedolare secca potrebbe essere esteso anche agli immobili non abitativi. E’ un’ipotesi allo studio relativa ai redditi Irpef dei fabbricati. La delega interviene su tutte le categorie di reddito Irpef (redditi agrari, dei fabbricati, di natura finanziaria, di lavoro dipendente, di lavoro autonomo, d’impresa e diversi) con l’obiettivo di razionalizzare e semplificare il sistema. Per quanto riguarda invece i redditi di natura finanziaria, si prevede, tra le altre cose, il raggruppamento dei redditi di capitale e dei redditi diversi di natura finanziaria in un’unica categoria reddituale soggetta a tassazione in base al principio di cassa e di compensazione e un’imposta sostitutiva agevolata sui redditi di natura finanziaria conseguiti dalle casse di previdenza.

Tributo unico

Addio all’imposta di bollo, a quelle ipotecaria e catastale, ai tributi speciali catastali e alle tasse ipotecarie: saranno sostituite da un tributo unico, “eventualmente in misura fissa”. Nell’ottica di una generale razionalizzazione, è prevista l’estensione dell’autoliquidazione anche per l’imposta di successione e per l’imposta di registro, oltre all’implementazione di nuove soluzioni tecnologiche e il potenziamento dei servizi telematici per ridurre e semplificare gli adempimenti. Per facilitare le modalità di pagamento dei tributi ed efficientare i sistemi di riscossione, viene inoltre previsto l’utilizzo dei mezzi elettronici di pagamento.

Semplificazione riscossione

Con la delega per la riforma del fisco arriva una semplificazione del procedimento di riscossione. In particolare, si prevede un progressivo superamento del ruolo e un accesso semplificato a forme di rateizzazione a 120 rate. E’ poi prevista l’estensione del termine di efficacia degli atti di riscossione “per una maggiore rapidità di recupero” e anche l’eliminazione delle duplicazioni organizzative, logistiche e funzionali, “con conseguente riduzione dei costi”.

Un eventuale azzeramento dell’Iva su alimentari e beni di prima necessità produrrebbe risparmi diretti fino a 300 euro annui a famiglia, oltre a positivi effetti indiretti sul fronte delle tariffe al pubblico praticate da attività ed esercizi commerciali afferma il Codacons, commentando le affermazioni del viceministro dell’economia, Maurizio Leo, su un possibile intervento fiscale sull’Iva. “Ovviamente – commenta il presidente Carlo Rienzi, – perché una simile misura produca reali benefici ai consumatori, è necessario che i commercianti traslino in modo totale il taglio dell’Iva sui prezzi al dettaglio, prevedendo pesanti sanzioni verso gli esercenti scorretti”,