Spesa - Paniere Istat commercio famiglie - social card Commercio

La propensione al risparmio delle famiglie, pur continuando il suo calo in termini tendenziali, ha segnato un incremento in termini congiunturali, attestandosi al 7,6% (+2,3 punti percentuali), a fronte di una crescita della spesa per consumi finali (+0,6%) più contenuta rispetto a quella del reddito lordo disponibile (+3,2%).

L’Istat sottolinea che in uno scenario internazionale caratterizzato da una componente di fondo dell’inflazione ancora elevata in molti paesi, le principali banche centrali hanno proseguito il rialzo dei tassi di interesse, determinando condizioni di finanziamento più restrittive per imprese e famiglie.

Le condizioni del mercato del lavoro sono rimaste favorevoli. A maggio, si è confermata la crescita dell’occupazione (il tasso tra i 15 e i 64 anni si è fissato al 61,2%) e il tasso di disoccupazione è diminuito (fissandosi al 7,6%) a fronte di una stabilità di quello di inattività.

Si è ridotto ulteriormente a giugno – scrive l’Istat – il differenziale positivo dell’indice armonizzato dei prezzi al consumo (IPCA) tra l’Italia e l’area euro, anche per effetto del forte rallentamento della componente dei listini dell’energia nel nostro Paese. L’indice Nic secondo la stima preliminare è sceso al 6,4% dal 7,6% di maggio. Gli indicatori di fiducia mostrano segnali discordanti. A giugno, l’indice del clima di fiducia dei consumatori è aumentato, con un miglioramento diffuso a quasi tutte le componenti, mentre la fiducia delle imprese ha segnato una leggera flessione.