Portafogli vuoto risparmi 100 euro - lavoratori
Empty wallet (no money) in the hands of an man. Cost control expenses poverty in concept

Il consueto Rapporto annuale dell’Istat pubblicato oggi dall’Istituto Nazionale di Statistica ha messo in luce una realtà preoccupante per i lavoratori italiani: il reddito da lavoro ha progressivamente perso la sua capacità di proteggere individui e famiglie dal disagio economico. Tra il 2014 e il 2023, l’incidenza della povertà assoluta tra gli occupati è aumentata di 2,7 punti percentuali, passando dal 4,9% al 7,6%.

Questo trend negativo è particolarmente evidente tra gli operai, la cui percentuale di povertà assoluta è salita da poco meno del 9% nel 2014 al 14,6% nel 2023. Anche i dipendenti hanno visto un aumento significativo, con l’8,2% di essi in condizioni di povertà assoluta nel 2023, rispetto al 5,1% dei lavoratori indipendenti.

Un’occupazione in crescita, ma salari in calo

Negli ultimi anni, l’occupazione in Italia è aumentata, ma questo dato positivo è offuscato da una diminuzione del potere d’acquisto dei salari lordi dei lavoratori dipendenti, che è sceso del 4,5% negli ultimi dieci anni. Questo declino contrasta con quanto osservato nelle altre principali economie dell’UE27, dove il potere d’acquisto delle retribuzioni lorde è aumentato. In particolare, in Francia è cresciuto dell’1,1% e in Germania del 5,7%.

Una vulnerabilità persistente

Nonostante i miglioramenti osservati nel mercato del lavoro, l’Italia continua a registrare una quota elevata di occupati in condizioni di vulnerabilità economica. Il rapporto dell’Istat sottolinea che, tra il 2013 e il 2023, il potere d’acquisto delle retribuzioni lorde in Italia è diminuito, in netto contrasto con le tendenze positive riscontrate in altre grandi economie europee.

Il Rapporto annuale dell’Istat evidenzia una problematica profonda e persistente: la crescente difficoltà dei lavoratori italiani di mantenere un tenore di vita adeguato nonostante l’occupazione. Questo fenomeno solleva importanti questioni sul futuro del lavoro e sulla necessità di politiche efficaci per contrastare la povertà e sostenere il potere d’acquisto delle famiglie italiane. La sfida per il governo e le istituzioni è ora quella di invertire questa tendenza negativa e garantire che il lavoro torni a essere un mezzo sicuro per sfuggire al disagio economico.

____________________________________________

Per restare sempre aggiornato, segui i nostri canali social Facebook, TwitterLinkedIn